Anniversari a Istrana: 80° del 51° Stormo e 30° dell'AMX

(Testo: F.Grattoni, Foto: come da crediti)  Istrana (TV) 13 settembre – Importante giornata oggi sull’aeroporto “Ferruccio Serafini” di Istrana e sede del 51° Stormo. Si sono celebrati i 30 anni dall’entrata in linea del velivolo AMX e l’ 80° anniversario della costituzione del 51° Stormo alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso e con la partecipazione delle autorità civili e militari e di un numeroso pubblico di radunisti, spotter e appassionati riversatisi per l’occasione dentro e fuori la base trevigiana.
Nella concomitanza dei due anniversari, quello storico del 51° Stormo, a cui la popolazione locale è da decenni legata da un profondo affetto e quello operativo dell’AMX entrato da tre decenni nei reparti dell’AM con soddisfazione dei piloti e soprattutto grande “affetto” da parte dei numerosi appassionati, lo spettacolo è stato appannaggio di quest’ultimo.
A far gioire spotter e fotografi i quattro AMX “special color”, uno con livrea totale dedicata al 30° e tre con doppie code dipinte con gli stemmi dei sei gruppi di volo che li hanno avuti in carico: 101° Grp. a sinistra e 132° Grp. a destra dell’ AMX-T 51-82, 13° Grp. a sinistra e 28° Grp. a destra dell’ AMX 51-27, 14° Grp. a sinistra e 103° Grp. e destra dell’ AMX 51-53.
Gli “Special” – a bordo del “T” il gen. Alberto Rosso al suo primo volo sull’AMX – sono stati presentati in formazione con altri tre esemplari operativi per il saluto ufficiale aggregandosi alla formazione della Pattuglia Acrobatica Nazionale alla quale hanno ceduto il cielo campo per la sua sempre precisa e colorata esibizione, al termine della quale hanno eseguito diversi passaggi per mettere in mostra le diverse livree.

Il programma in volo aveva visto precedentemente l’arrivo e i passaggi in formazione della “Legends” con il MB-326E di Vola Fenice, il T-6G Texan, il G.46 e il SIAI SF-260AM esposti successivamente nella mostra statica.
Qui, oltre a AMX, P-180, S.208M, T-339CD, T-346A, Tornado IDS, un F-35 (ben isolato e protetto con doppia transenna), un Typhoon del 37° Stormo ed uno posto ben in evidenza all’inizio della statica con le insegne del 51° in coda ed il numero di carrozzella 51-01, primo esemplare assegnato al 51° Stormo e temporaneamente in carico al 132° Gruppo. Qualcosa in più di un riconoscimento del lavoro svolto qui dal 51° che ospita la cellula d’allarme a rotazione per il controllo dello spazio aereo nazionale a nord-est e di quello della confinante Slovenia, con la quale c’è un contratto di Air Policing.

…PER GLI AMICI “TOPONE”

AMX, A-11B, il biposto AMX-T, TA-11B, “Ghibli” nickname assegnato negli anni ’90, (“Topone” per gli appassionati) sono le designazioni che identificano questo monomotore nato nel 1982 da una collaborazione tra Aeritalia, Aermacchi e la brasiliana Embraer per un moderno velivolo in grado di svolgere missioni di supporto ravvicinato, ricognizione tattica ed aero cooperazione. Superate le iniziali difficoltà di sviluppo ed aumenti di costi, nel 1989 è entrato i linea con l’Aeronautica Militare complessivamente in 110 esemplari monoposto e 26 biposto.
Contraddistinto da capacità di essere rifornito in volo, dotato di munizionamento moderno, preciso ed avanzato, ha dato prova, soprattutto dopo l’aggiornamento al programma ACOL (Adeguamento Capacità Operative e Logistiche) iniziato nel 2005 di affidabilità ed efficacia anche nei teatri più impegnativi. Dal 2009 tutti i velivoli in linea sono stati potenziati nella capacità di ricognizione con il sistema Pod Reccelite della Rafael e nelle capacità NVG.
Attualmente è in linea solo con il 51° stormo, che ha assunto la configurazione di Stormo caccia bombardiere e ricognitore in quanto strutturato sulla sola presenza del 132° Gruppo CBR.
Nelle operazioni reali l’AMX è stato impegnato in prima linea dall’Operazione “Allied Force” nei Balcani negli anni novanta, dove ha ricevuto il battesimo del fuoco, all’Operazione “ISAF” in Afghanistan, all’Operazione “Unified Protector” in Libia, all’Operazione “OIR” (Operation Inherent Resolve) in Kuwait.
Il Ghibli vanta un primato d’eccezione, quello di essere un assetto dell’AM impiegato per oltre due terzi della sua vita operativa in operazioni reali con oltre 18.000 ore di volo in questi ambiti.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!