Lotta antincendi: avviata la stagione estiva.

La stagione antincendio (Protupožarna, PP) di quest’anno vedrà la partecipazione delle forze speciali antincendio delle forze armate croate di tutte e tre le Armi delle Forze Armate croate.
Per l’attuazione delle misure speciali nella lotta antincendio sul territorio della Croazia nel 2020, per le caratteristiche climatiche e le condizioni meteorologiche registrate sulla costa e il basso rischio di incendi, l’inizio della stagione estiva antincendi è stato posticipato dal 1 al 15 giugno.
Il Comando antincendio operativo della Repubblica di Croazia (OVZ) sarà attivato presso il Centro operativo di Divulje.
La fase più critica dal 15 giugno al 30 settembre vedrà impiegato l’Esercito croato su richiesta del comandante dell’OVZ, dal 1° gennaio al 14 giugno e dal 1° ottobre al 31 dicembre è l’Aeronautica militare ad operare su richiesta mentre l’Esercito croato è in standby per tutto l’anno.
Il compito dell’Esercito croato per tutta la stagione è di fornire assistenza e supporto alla comunità locale e ai vigili del fuoco nello spegnimento degli incendi, la ricognizione aerea, il trasporto dei vigili del fuoco, di forze e di logistica per via aerea, la fornitura di acqua ai membri dei vigili del fuoco e dell’esercito e alla popolazione a rischio di incendio, il salvataggio ed evacuazione del personale impegnato, così come della popolazione a rischio. 

Per l’esecuzione di questi compiti vengono istituite le forze organizzate dedicate all’antincendio – PP NOS OS RH da tutte e tre le Armi delle Forze Armate: l’Aeronautica, l’Esercito e la Marina. 
Quest’anno, saranno disponibili 12 aerei (sei Canadair CL-415 e sei Airtractor AT-802), altri due elicotteri Mi-8 MTV1 per vigili del fuoco e il trasporto di personale e attrezzature per il sito antincendio mentre un Pilatus PC-9M sarà disponibile anche per la ricognizione aerea.
Le forze di terra parteciperanno con 200 addetti pronti per un rapido intervento entro un’ora dall’allarme, schierati nelle caserme di Knin, Sinj, Benkovac, Divulje e Ploče.
La Marina parteciperà con un dragamine (DMB) per il trasporto di attrezzature e persone alle isole e con un grande serbatoio d’acqua, oltre che con una nave d’assalto (DJB) per la ricerca e il salvataggio e due gommoni.
Anche il sistema aereo senza pilota “Orbiter 3” svolgerà un ruolo significativo, che sarà utilizzato per la rilevazione precoce degli incendi e consentirà il trasferimento dei dati in tempo reale al Centro operativo di Divulje.
Dall’inizio dell’anno, sono stati effettuati interventi su 73 incendi per un totale di oltre 210 ore e sono state scaricate circa 9.500 tonnellate di acqua.

(Fonte MORH, Foto  HRZ / Marinko Karačić) – 16 giugno

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!