Inaugurazione del Presidio Vaccinale di Milano

Questa mattina, a Milano, il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha partecipato all’inaugurazione ufficiale del Presidio Vaccinale di Parco Trenno, insieme al Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e al Vice Sindaco di Milano Anna Scavuzzo.

“Sono qui per dovere morale e personale. Sono figlio di questa terra e so cosa significa la pandemia per le nostre comunità. La mia presenza oggi è anche per testimoniare l’impegno delle nostre Forze Armate in uno dei punti in cui stiamo svolgendo il nostro lavoro. Sono 138 i Drive Through allestiti dalla Difesa su tutto il territorio nazionale per dare impulso al tracciamento in tutto il Paese, di cui 28 in Lombardia. È un esempio dell’evoluzione delle attività dei Drive Through, dove al tracciamento si affiancheranno dei poli vaccinali come qui a Milano. L’obiettivo è di utilizzare le nostre risorse in collaborazione con i sanitari per somministrare i vaccini”, queste le parole del Ministro nel corso della visita.

Il Presidio Vaccinale di Parco Trenno, costruito dall’Esercito, è il più grande schierato in Italia, con un’area occupata di circa 2.000 mq e un parcheggio di 20.000 mq, è il primo Drive Through Difesa (DTD) a essere stato trasformato in Presidio per la somministrazione dei vaccini anti-CoVid19. Si inizierà da 600 vaccini al giorno, per giungere, a pieno regime, fino a 2.000. Saranno 2 le linee, le prime a essere adibite in punti vaccinali dallo scorso venerdì, mentre le altre 8, per il momento, continueranno a essere utilizzate per l’attività di screening attraverso i tamponi molecolari e i test rapidi Sars-Cov2. Prossimamente, in base alle richieste e alle esigenze, potranno essere riconvertite anche le altre postazioni.

“Questa attività segna il punto di un’eccellente collaborazione tra le Forze Armate, la Regione Lombardia, il Comune di Milano, la Protezione Civile, la Croce Rossa e i volontari per fornire un servizio ai cittadini” e, ha aggiunto Guerini, “le Forze Armate con la loro specificità, con la capacità logistica, organizzativa di comando e controllo sono a disposizione della comunità per lavorare con serietà, concretezza, impegno e senza troppe parole”.

Le linee dedicate alla vaccinazione, con impiego di medici e infermieri militari, sarà operativa dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 17.30 ed è situata all’interno della struttura, realizzata dall’Esercito Italiano in collaborazione con la Regione Lombardia, Agenzie di Tutela della Salute (ATS) Città Metropolitana, Comune di Milano, Protezione Civile e Azienda Socio Sanitaria Territoriale “Santi Paolo e Carlo”, attiva dallo scorso 13 novembre con una capacità di effettuare fino a 800 tamponi al giorno.

Il Centro Ospedaliero Militare di Milano metterà a disposizione il personale medico e sanitario mentre ASST “Santi Paolo e Carlo” della Regione Lombardia gestirà tutti gli aspetti organizzativi e amministrativi. La collaborazione tra i due enti per le vaccinazioni è già in corso presso l’Ospedale Militare di Baggio, dove dal 18 gennaio è iniziata la vaccinazione degli over 80. Dal 4 marzo è stato attivato un secondo padiglione e, grazie anche alla collaborazione delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa, del personale militare del Sovrano Militare Ordine di Malta e del mondo dell’associazionismo milanese, la capacità è stata raddoppiata arrivando fino a 1.300 vaccini al giorno.

Sono 60 i medici e 120 gli infermieri dell’Esercito e delle altre Forze Armate impiegati in Lombardia presso l’Ospedale Militare di Baggio e nei 28 DTD: 16.000 vaccini anticovid, 20.000 vaccini antinfluenzali, 300.000 tamponi effettuati. Inoltre, Team mobili della Difesa sono stati impiegati per le vaccinazioni all’interno delle RSA.

L’Esercito partecipa e fornisce uomini, mezzi e strutture alle due grandi operazioni avviate dal Ministero della Difesa e dirette dal Comando Operativo di vertice Interforze (COI): “IGEA” per le attività di screening ed “EOS” per il trasporto logistico e la somministrazione dei vaccini.

Su tutto il territorio nazionale sono 138 i Drive Through della Difesa, mentre sono 7 i Presidi Vaccinali della Difesa già operativi: a Milano presso l’Ospedale Militare di Baggio e da oggi al Drive Through del Parco Trenno, a Roma presso la Cecchignola, ad Isernia in Molise, a Cosenza dove è stato riconvertito l’ospedale da campo costruito dall’Esercito Italiano, a Pomigliano D’Arco in provincia di Napoli e a Caserta presso la Caserma della Brigata “Garibaldi” dove la Difesa fornisce solo l’infrastruttura e il supporto logistico mentre il personale sanitario proviene dall’azienda sanitaria locale.

(Fonte e Foto SME) – 15 marzo

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!