Nave Martinengo rientra a Taranto dopo 4 mesi di missione ambito EUNAVFOR Somalia

Il 22 dicembre Nave Federico Martinengo ha fatto rientro presso la Stazione Navale Mar Grande di Taranto dopo oltre 4 mesi di missione. La fregata italiana ha partecipato all’operazione a guida europea “Atalanta” nata nell’ambito della European Union Naval Force for Somalia (EUNAVFOR SOMALIA), volta al contrasto del fenomeno della pirateria nelle acque del Mar Rosso, Golfo di Aden e del bacino somalo e, ha inoltre preso parte, quale primo assetto italiano, anche all’operazione “Agenor” nata anch’essa nell’ambito di una iniziativa europea denominata European Maritime Awareness in the Strait of Hormuz (EMASOH).

Nel periodo di assegnazione all’operazione “Atalanta”, la fregata italiana ha condotto un ampio spettro di attività tese a prevenire e a reprimere atti di pirateria e a tutelare della libertà di navigazione del traffico mercantile in transito nelle aree d’interesse dell’operazione.

Nel corso della missione è stata effettuata una capillare azione di controllo e monitoraggio delle attività svolte da parte di natanti di piccole dimensioni in vicinanza delle coste della Somalia, attraverso l’impiego di mezzi nautici in dotazione alla nave. Questa tipologia di attività ha contribuito in modo rilevante, alla prevenzione degli atti di pirateria, e rientra nel contesto delle cosiddette attività di Civilian and Military Cooperation (CIMIC).

Particolare menzione va fatta delle attività di scorta alle unità navali assegnate al World Food Programme (WFP), utilizzate per il trasporto di aiuti umanitari per conto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), e di quelle impiegate nell’ambito dell’African Union Mission in Somalia (AMISOM).

Dal 1 ottobre e per tutto il mese di novembre, l’Unità ha assicurato invece la sua presenza nelle acque del Golfo Persico e del Golfo di Oman dove ha operato nel dispositivo aeronavale assegnato all’operazione “Agenor” nell’ambito dell’iniziativa multinazionale europea EMASOH, lanciata dalla Francia nel gennaio 2020 e supportata, oltre che dall’Italia, anche da Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Portogallo e Norvegia. L’operazione multinazionale prevede l’impiego di un dispositivo aeronavale in grado di svolgere una efficace e credibile attività di presenza, sorveglianza e sicurezza del traffico mercantile in transito nella Stretto di Hormuz, un’area caratterizzata da interessi vitali per l’economia nazionale e dei paesi europei.

In tale ottica, la partecipazione di Nave Federico Martinengo alle due operazioni, pone in primo piano l’importanza di operare in un contesto multinazionale attraverso l’impiego coordinato di assetti, anche diversi, che siano in grado di assicurare la sicurezza nelle aree marittime di interesse nell’ambito del cd. Mediterraneo Allargato.

(Fonte e Foto MMI Redazione Web) – 22 divembre

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!