Nave San Giusto lascia la Terra dei Cedri

Dopo 30 giorni di permanenza in teatro operativo si è conclusa per Nave San Giusto la missione umanitaria interforze “Emergenza Cedri“, fortemente voluta dal Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini per dare sollievo alla popolazione libanese a seguito dell’esplosione che il 4 agosto scorso ha devastato il porto di Beirut.

Salpata la notte del 18 agosto dalla banchina Garibaldi dell’Arsenale Militare di Brindisi, Nave San Giusto, al comando del Capitano di Vascello Aniello Cuciniello, ha dispiegato assetti della Difesa ad oltre 1000 miglia nautiche di distanza. In particolare, materiale ed attrezzature dell’Esercito che hanno permesso di allestire la Task Force “Cedri”, ovvero un ospedale da campo dotato di un modulo radiologico, un laboratorio biologico per le analisi e l’effettuazione dei tamponi Covid-19, un modulo di terapia intensiva, un modulo chirurgico con due letti operatori, una farmacia, un modulo pediatrico e alcune sale ambulatoriali e di sterilizzazione. Ha contribuito alla missione umanitaria anche l’Aeronautica Militare che ha fornito due velivoli C-130J per il trasporto di specialisti e aiuti umanitari

Le peculiarità tecnico-operative di Nave San Giusto  hanno inoltre permesso di imbarcare uomini e mezzi dell’Esercito impiegati poi a Beirut per la rimozione delle macerie.

Sul ponte volo del San Giusto è stato inoltre rischierato un elicottero della Marina militare MH-101, proveniente dal 1° Gruppo Elicotteri di Luni-Sarzana.

(Fonte e Foto SMD) – 23 settembre

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!