Conclusa esercitazione “Rain of Fire”

Il 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” forma nuovi mortaisti e addestra il plotone esploratori

Il 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” ha concluso l’esercitazione denominata “Rain of Fire”, condotta nel Poligono Militare di Carpegna (PU).

L’attività, che si è svolta in due fasi distinte, è iniziata con una infiltrazione notturna del plotone esploratori che ha effettuato un’attività di acquisizione obiettivi e la successiva richiesta d’intervento alle unità mortai. Nella seconda fase sono state testate le capacità operative del plotone mortai pesanti, del plotone supporto alla manovra e del plotone esploratori nelle attività di calcolo dei dati di tiro, impiego dei mortai, osservazione del fuoco e valutazione degli effetti sugli obiettivi.

L’esercitazione “Rain of Fire” conclude un iter durato 8 settimane sviluppato attraverso una costante progressione addestrativa, al termine della quale il personale del “Trieste” è stato abilitato all’impiego del mortaio pesante Thomson da 120 mm e medio Expal da 81mm, in dotazione all’Esercito. La validazione dei nuovi mortaisti è stata condotta da una commissione esaminatrice della Scuola di Fanteria e si è conclusa con il pieno raggiungimento degli obiettivi prefissati.

L’evento addestrativo, svoltosi nel pieno rispetto delle norme per il contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid 19, ha visto piena soddisfazione da parte del Comandante del reggimento, Colonnello Marco Licari, che si è congratulato con il proprio personale per l’impegno profuso e i risultati raggiunti.

(Fonte e Foto Comando Forze Operative Nord) – 22 ottobre