Esercitazione interforze “HARPUN 19”

La parte finale con prove di combattimento e tiri a fuoco dell’esercitazione “HARPUN 19” svoltasi nelle acque dell’Adriatico centrale, venerdì 25 ottobre 2019, ha portato a termine l’evento addestrativo più significativo della Marina croata di quest’anno.
Combinato con parte delle forze dell’Esercito di terra croato (HKoV), dell’Aeronautica croata (HRZ), del Comando di supporto (ZZP), del Comando delle forze speciali (ZSS), del Reggimento di polizia militare (PVP), del Reggimento di intelligence (OP) e del Comando del cyberspazio ( ZZKP), le forze di gestione delle risorse umane hanno portato a termine con successo tutte le attività di addestramento previste per l’ercitazione “HARPUN 19”, iniziata il 21 ottobre.

Per la prima volta come osservatori, hanno partecipato membri delle forze armate di Polonia, Italia, Francia e Stati Uniti. Il supporto per le esercitazioni è stato fornito dal Ministero degli Interni (Polizia marittima), dal Ministero del mare, dei trasporti e delle infrastrutture (le navi dell’ufficio del capitano del porto), nonché dalla società di vigili del fuoco volontari di Rogoznica.
Il Comando dell’esercitazione è stato assunto dal Contrammiraglio Ivo Raffanelli, mentre il Capo di stato maggiore, Vice comandante della gestione delle risorse umane, il Commodoro Damir Dojkic è stato il direttore dell’esercitazione.
Hanno partecipato nove navi della flotta HRM, un battaglione missilistico, parte della Compagnia MDP e un plotone di operatori subacquei (vPMR), cinque navi della Guardia costiera croata, una stazione di osservazione del Battaglione costiero di osservazione e guida (bOMiN) HRM, due aerei e quattro elicotteri della HRZ, forze della Gmtbr HKoV, forze ZSS, ZzP, OP e ZzKP e pVP.

Il quartier generale della direzione è stato collocato presso la caserma “Zečevo”. Dopo aver raccolto, integrato e trasferito e sviluppato forze, nell’area addestrativa “Žirje” della LTDS-22, negli ultimi quattro giorni, le forze si sono esercitate rilevare bersagli aerei, lanciando missili portatili Strela 2-M e facendo fuoco su bersagli di superficie con artiglieria navale, manovre tattiche, arresto, trasbordo e ispezione di una nave sospetta, ricerca e salvataggio in mare (SAR), rifornimento logistico di navi durante la navigazione (RAS), lotta alla resilienza da combattimento (BOB), procedure nel campo della sorveglianza della pesca e segnalazioni in condizioni notturne . Le operazioni a fuoco sono state effettuate con mitragliatrici da 12,7 mm, cannoni da 20 mm, 23 mm, 30 mm, 40 mm e 57 mm e cannoni da 122 mm.
La parte esercitativa finale ha visto, da parte delle forze della HKoV, tiri di artiglieria dalla caserma “Zečevo” verso i bersagli in mare con proiettili da 122 mm, dalla cannoniera lanciamissili RTOP-42 “Dubrovnik” e dalla nave di pattugliamento costiero OOB-31 “Omiš”. A ciò è seguita l’attività dei OH-58D Kiowa Warrior, che hanno effettuato per la prima volta prove a fuoco in mare con le mitragliatrici.
Secondo lo scenario, le attività sono state poi trasferite nell’isola di Žirje. Dopo il completamento degli attacchi aerei simulati da parte delle forze HRZ a bersagli di alto valore, ha fatto seguito un assalto all’isola, condotto dalle forze speciali del ZSS. Le attività di addestramento si sono concluse con un’evacuazione medica in elicottero (MEDEVAC) e l’estrazione dei nuclei delle forze speciali. La riuscita sincronizzazione di tutte le attività è stata raggiunta grazie al coordinamento e all’addestramento delle forze sul campo, nonché al quartier generale delle esercitazioni congiunte.

Fonte: MORH – Testo: HRM / M. Siriščević, Foto: MORH / M. Čobanović, HRM

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!